Meteo

1° Gran Premio Nazionale del Mediterraneo

6 Maggio 2017 (09:03) in ANLC Informa | Stampa Stampa

Patrocinato dal Comune di Mazara del Vallo, il 29 e 30 Aprile 2017 si è disputato presso i campi di tiro di Marsala e Mazara del Vallo il 1° Gran Premio Nazionale del Mediterraneo ANLC, l’evento è stato un’importante appuntamento nel panorama del Tiro a Volo. Organizzato dall’Associazione Nazionale Libera Caccia, sotto l’esperta guida del delegato nazionale Martino Nardi, collaborato dal delegato TAV Regione Sicilia Antonino Montalbano e dal delegato provinciale della sezione di Trapani Antonino Lampasona.

Testo completo

3 commenti

  • Il 12.05.2017 15:11, Marco ha scritto:

    PESSIMA PREMIAZIONE…. Non so cosa hanno fatto con i soldi delle iscrizioni

    • Il 23.05.2017 22:17, Alberto ha scritto:

      ANCORA UN CALENDARIO VENATORIO PUNITIVO.

      Già negli anni scorsi l’attuale amministrazione ci aveva abituati ad un calendario venatorio estremamente limitativo.
      Non paghi delle malefatte perpetrate ai danni dei cacciatori anche quest’anno, con l’adozione di leggine che hanno portato alla riduzione delle specie cacciabili sono state definitivamente cancellate, oltre alla pernice bianca e alla lepre variabile, allodola fischione, canapiglia, mestolone), codone, marzaiola, folaga, porciglione, frullino, pavoncella, moretta, moriglione, combattente merlo.
      Fra le tante limitazioni la chiusura al 10 di gennaio per il tordo bottaccio e la cesena è la dimostrazione della volontà di limitare quanto più possibile la caccia. L’Ispra, infatti, ha modificato i criteri di gestione delle due specie: l’Istituto afferma che, a seguito di recenti analisi le due specie iniziano lo spostamento pre nuziale nella terza decade di gennaio e non nella seconda, cioè con il posticipo di una decade.
      L’Istituto consentirebbe dunque di chiudere la caccia al 20 gennaio e non più il 10, come avvenuto fino all’anno scorso, a cui sommando la decade di sovrapposizione, facoltà delle Regioni, si arriverebbe alla chiusura al 31 gennaio come nel resto dell’Italia.

      CON LA NUOVA LEGGE NAZIONALE SI ESTENDONO
      LE AREE GESTITE DAI PARCHI
      Giovedì 18 maggio la Camera ha proseguito l’esame della proposta di legge di modifica della Legge quadro sulle Aree Protette (la 394/91). Durante il dibattito è stato approvato un emendamento della Commissione che interviene sulla possibilità di attribuire la gestione delle aree esterne agli Enti Parco.
      La modifica è estremamente pericolosa, potrebbe succedere infatti che tutte le aree di Natura 2000 potrebbero diventare aree di gestione dirette dei Parchi. Insomma: una specie di aree contigue gestite dall’ente parco!

      • Il 14.06.2017 20:40, M.olina ha scritto:

        Piemonte. Grazie all impegno del nostro Presidente Nazionale e del Presidente ANLC del Piemonte con l ‘ attiva partecipazione dello Studio legale Lemme è stato presentato un ricorso al TAR Piemonte contro le normative regionali restrittive dell attività venatoria. In estrema sintesi ,nel ricorso , si richiede la piena applicazione ,anche in Piemonte , della Lex 157 , in una Regione che , ricordiamolo, da circa 5 anni non ha più una legge venatoria organica , dopo l abrogazione della precedente. Questo a differenza di tutte le altre Regioni italiane. Ora il ricorso , confezionato secondo alti livelli di scienza e di dottrina giuridica , vedremo a cosa porterà, di certo è un segnale forte sul limite di sopportazione dei cacciatori. Comunque , vada come vada, un plauso all ‘ ANLC che, in splendida solitudine, ha difeso il mondo venatorio piemontese !

        (Obbligatorio)
        (Obbligatoria, non verrà pubblicata)
        Utenti online
        » Articoli: 2,212 - Pagine: 178 - Commenti: 5,015 - Commentatori: 954 «
        ♠ © 2013 A.N.L.C.   Tema ANLC® (4.0) di Kiele™ ♥